Chiesa ed abiti succinti...


Grazie Luciana Littizzetto!

Dal buco dell'era Storace al crac Vaticano. Drammi e disastri della sanità romana di MARIA NOVELLA DE LUCA



Dal buco dell'era Storace al crac Vaticano.Drammi e disastri della sanità romanadi MARIA NOVELLA DE LUCA


Dieci miliardi di debiti pregressi e 1 miliardo  e 140 milioni di deficit oggi. Per far fronte, adesso, bisogna chiudere quattro ospedali, tagliare duemila letti e mille e cinquecento posti di lavoro. Pagano i cittadini e il personale. Il simbolo sono i grappoli di lenzuola bianche che da mesi coprono per protesta i tetti e le facciate dei più grandi ospedali romani. Umberto I, San Filippo Neri, Forlanini, Gemelli, Spallanzani... Migliaia di lenzuola diventate drappi neri di smog e di pioggia, bandiere luttuose di un crac annunciato che sta travolgendo tutta la Sanità del Lazio, 10 miliardi di debiti alle spalle e un miliardo e 140 milioni di euro di deficit oggi, una voragine che sta divorando reparti di eccellenza e posti di lavoro, ma che affonda le sue radici in una lunga storia di inefficienze e ruberie. I numeri sono quelli di una dismissione, quasi un addio alle armi: duemila letti da tagliare, quattro ospedali da chiudere, almeno 1500 licenziamenti annunciati, medici e tecnici che fanno lo sciopero della fame, e per la prima volta è anche la potente e ricca Sanità del Vaticano a piegarsi in due, i grandi nosocomi cattolici cresciuti e prosperati con i rimborsi della regione Lazio. Cadono simboli e stemmi di congregazioni religiose: dal Gemelli al Fatebenefratelli travolti dai tagli del piano “lacrime e sangue” del commissario alla Sanità Enrico Bondi, all’Idi, il più importante ospedale dermatologico d’Italia, messo in ginocchio da un buco finanziario di 800milioni di euro. L’intero vertice laico e religioso dell’Idi è sotto inchiesta e i dipendenti senza stipendio da più di quattro mesi. Soltanto due sere fa, infreddoliti e affamati, sono scesi dal tetto che i 6 tecnici che facevano lo sciopero della fame. "Piccoli, grandi eroi", li hanno chiamati i loro compagni di lavoro.


Gli ospedali romani sono a terra, i laboratori vuoti, i pazienti abbandonati sulle barelle perché i reparti scoppiano: ma forse la Capitale, dicono i sindacati, altro non è che quel “laboratorio dello smantellamento della sanità pubblica”, minacciato, seppure velatamente, dal presidente del Consiglio Monti, paradigma dunque di ciò che potrebbe accadere altrove, in altre regioni. Ma da dove nasce lo sfascio della Sanità romana? E chi sono i responsabili? E quanto la tragedia di oggi è da imputare alla spending review che deve portare il numero di posti letto a 3 per mille abitanti, e quanto invece a precedenti (spericolate) amministrazioni regionali? 


Storia di un crac. "E’ il 2006 quando il buco nella Sanità del Lazio lasciato dalla giunta Storace viene per la prima volta alla luce in tutta la sua enormità: 10 miliardi di euro, una cifra spaventosa", racconta Marcello Degni, economista, docente di Contabilità Pubblica alla Sapienza di Roma. Quarantanove ospedali pubblici venduti e poi riaffittati a caro prezzo dalla Regione, la malefatte di lady Asl, fatture gonfiate, appalti, tangenti. Un fiume di denaro che scompare senza traccia. Un debito tossico che eredita in pieno Piero Marrazzo, succeduto alla Regione alla fine del 2005, che chiede l’intervento dell’allora ministro per l’Economia Tommaso Padoa Schioppa. 


"Venne deciso un piano di rientro, almeno parziale, attraverso un prestito dello Stato di cinque miliardi di euro, da restituire in 30 anni attraverso rate di 300 milioni ogni dodici mesi. Ed è da qui, per impedire la formazione di nuovo debito che iniziano i tagli alla Sanità del Lazio". Dal 2006 al 2012 scompaiono anche attraverso la chiusura di molti piccoli ospedali, circa 4mila posti letto.


La Sanità laziale subisce un tracollo: al Pronto Soccorso del San Camillo, tra i più affollati della Capitale, i malati vengono visitati per terra, come negli ospedali di guerra. La fotografia, scattata a febbraio del 2012, fa il giro del mondo: è l’Italia? Sì, è l’Italia, anzi Roma, anni luce lontana dall’Europa. Ma non basta: il disavanzo della spese sanitarie della Regione Lazio resta alto, altissimo. Un miliardo e 140 milioni nel 2011. E i tagli spesso avvengono senza criterio, come denuncia Ignazio Marino, presidente della Commissione d’Inchiesta sulla Sanità del Senato. Che definisce il Lazio un esempio di “sperpero nazionale”.


Quell’esercito di primari. Sì, perché non si può mettere in ginocchio una città, chiudendo poli d’eccellenza facendo così pagare ai cittadini il prezzo di colpe altrui... Oltre alla “finanza facile” dell’era Storace, che cosa è successo infatti negli ultimi 15 anni nella città eterna, all’ombra anche e a volte con la “partecipazione” del Vaticano? Spiega Ignazio Marino: "La soluzione non possono essere tagli selvaggi che ricadono sulla pelle dei cittadini, dopo che per decenni in questa regione si sono moltiplicate cattedre, posti, reparti. Nel Lazio ci sono 1600 Unità Operative, a capo di ognuna della quali c’è un primario. Quante di queste sono davvero necessarie?". E quante create per offrire un posto di prestigio a qualcuno? Come non ricordare, allora, soltanto uno degli scandali più recenti, cioè quella Unità Operativa Complessa di “Tecnologie cellularimolecolari applicati alle malattie cardiovascolari” creata ad hoc al policlinico Umberto I di Roma per Giacomo Frati, figlio del rettore della Sapienza Luigi Frati? 

Ma i casi citati da Ignazio Marino sono molti di più. Le 35 strutture di emodinamica (reparti ad alta specializzazione cardiologica) di cui però soltanto 6 lavorano giorno e notte, come se, ironizza Marino, "l’infarto arrivasse soltanto nelle ore d’ufficio". E poi i 5 centri per il trapianto di fegato, costi altissimi e 98 interventi nel 2011, contro i ben 137 effettuati a Torino dove di centro trapianti ce n’è uno solo. "Il risanamento passa attraverso gli accorpamenti e una gestione più equa delle risorse. Ci sono spese gonfiate e reparti depressi: penso al pronto soccorso pediatrico del policlinico Umberto I, visita 27 mila bambini l’anno e l’80% del personale è precario. Una follia".


Lo scandalo dell’Idi. E’ forse la prima volta nella storia italiana, e soprattutto in quella capitolina, che le casse degli ospedali vaticani sono vuote. Il crac ha travolto anche loro. Lenzuola appese ai balconi del policlinico Agostino Gemelli, polo d’eccellenza della sanità vaticana, dove è sempre pronto un reparto per accogliere il Papa. L’università cattolica subirà un taglio retroattivo di 29 milioni di euro per il 2012, mentre attende ancora 800 milioni di rimborsi. E altri ospedali religiosi, come il Fatebenefratelli, hanno già iniziato a non erogare più prestazioni in convenzione.

Ma è lo scandalo dell’Idi a turbare (forse) i sonni delle gerarchie ecclesiastiche. Chi ha rubato infatti i soldi dell’Istituto Dermopatico dell’Immacolata, all’avanguardia per le malattie della pelle e nella cura del melanoma? Una storia torbida, che ha fatto parlare di un caso “San Raffaele” della Capitale, ha portato sotto inchiesta tutti i vertici dell’istituto di proprietà dei padri Concezionisti per un buco nella casse dell’ospedale di 800 milioni di euro. E in particolare frate Franco Decaminada, da anni a capo dell’Idi, accusato di appropriazione indebita, e autore, sembra, di opache speculazioni finanziarie che hanno messo in ginocchio l’istituto, attraverso l’acquisto di immobili, e addirittura di investimenti in Congo. "Fatturavamo 70mila euro al giorno - racconta desolata Stefania Zaia, tecnico di laboratorio - oggi siamo senza stipendi da quattro mesi".


Emergenza Italia. Se il Lazio è il paradigma negativo di quello che può succedere in una regione amministrata male, nel resto d’Italia la situazione è quasi altrettanto grave. Dai migliaia di esuberi in Lombardia al taglio dei interventi non urgenti in Toscana, dai debiti della Campania alla minaccia di chiusura dell’ ospedale Valdese in Piemonte, la sanità pubblica italiana sembra destinata ad una progressiva e amara dismissione.

GENEALOGIA DI GIORGIO NAPOLITANO DI SAVOIA

GENEALOGIA DI GIORGIO NAPOLITANO DI SAVOIA

Cardinale Scola: la chiesa cattolica mette a rischio la libertà dei cittadini italiani


Stilinga risponde al cardinale Scola asserendo che la chiesa cattolica ha messo e tuttora mette a rischio la libertà dei cittadini italiani.


Lo Stato laico è idoneo a costruire un ambito favorevole a tutti i cittadini e nessuna religione lo può o lo deve limitare in alcun senso.

Inoltre, ogni cittadino ha diritto a decidere se o meno aderire a qualsivoglia religione che lo interessi e lo aiuti a livello spirituale.

La chiesa cattolica ed il suo stato extra territoriale in seno alla città di Roma, devono rassegnarsi al declino economico e spirituale in cui si trovano.

Nonostante ripetutamente, la chiesa cattolica abbia messo le mani sullo Stato Italiano, i cittadini italiani sono forti e ben temprati contro tali assalti e sanno che il potere di cui la chiesa cattolica gode in casa loro va ben oltre la tollerabilità sopportabile, ed il pensiero di questi cittadini va anche verso i recenti scandali non solo economici e quindi del tutto secolari, ma anche pedofili in cui proprio la  chiesa è coinvolta.
E' vero cardinale Scola che la visione del mondo è profondamente mutata nei secoli e pare che l'unica istituzione religiosa che non ha capito dove la società stava andando sia proprio la chiesa cattolica, che infatti ormai è distaccata dalla realtà dei cittadini italiani, ottusa e persa nei sui dogmi e nei suoi secolarissimi privilegi.

Quindi cardinale Scola, Stilinga le suggerisce di evitare di esternare attacchi aggressivi verso lo Stato Italiano e le suggerisce anche di farsene una santa ragione.

Siamo tanti noi cittadini italiani e siamo pronti a difenderci, credo che questo lo sappia.
 

Agnese Borsellino:"Il mio sdegno per Mancino"

Agnese Borsellino parla del marito

Perché Monti vuol far morire la sanità pubblica di Ivan Cavicchi

Perché Monti vuol far morire la sanità pubblica
 di Ivan Cavicchi* da il Fatto quotidiano

 Le maldestre dichiarazioni del presidente Monti sulla sanità ci dicono che il governo sta lavorando a un cambio di sistema.

Con l’inganno dell’assistenza integrativa, potrebbero arrivarci addosso mutue e fondi assicurativi a sostituire, non a integrare, lo Stato in parti rilevanti della tutela pubblica. 

E siccome sono cose costose, che “l’anatra zoppa” si arrangi e addio all’universalismo e alla solidarietà.

Sono convinto che un’operazione del genere è più ideologica che dettata dai problemi oggettivi della sanità, per cui c’è da chiedersi che diritto abbia un governo tecnico di mettere in croce milioni di persone con un anacronistico neoliberismo. 

La situazione oggi per i cittadini è molto più pesante di quando, 50 anni fa, avevamo il sistema mutualistico: 9 milioni di persone sono fuori dall’area del diritto, 2 milioni e mezzo di nuclei familiari abbandonano le cure perché non hanno i soldi per pagarsele e solo 8 regioni riescono a fatica a garantire le cure dovute per legge.

La spesa che il cittadino sborsa per avere ciò di cui avrebbe gratuitamente diritto è altissima: siamo a 2 punti di pil. Ma questo è ancora niente.

Con la spending review, i tagli lineari e la legge di Stabilità (sono le regioni a dirlo), la situazione diventerà una “tragedia greca”. Il doppio senso non è casuale. Non mi stupisce quindi che si voglia mettere mano a un cambio di sistema con l’intenzione di frammentare e delimitare il più possibile il bacino del dissenso sociale.

Credo che la spending review sia stata sottovalutata per le sue dirompenti implicazioni non tecniche, ma politiche. È stata vista dalla maggior parte dei commentatori, regioni in testa, come una prova di rigore esagerato. MA IN REALTÀ crea di fatto le condizioni per una devastante privatizzazione del sistema.

 I tagli non sono solo esagerati, ma pensati per ridefinire di fatto i confini del servizio pubblico e per definanziare il sistema. I tagli lineari stanno al definanziamento come le mutue stanno alla privatizzazione. Quindi perché meravigliarsi se oggi Monti ci viene a parlare di mutue e di assicurazioni private? Sappiamo che sulle mutue sta lavorando il ministro Balduzzi (area Pd), a conferma del fatto che la “sinistra”, pur con qualche incertezza, ci sta pensando da tempo.
Del resto, chi non sa come andare avanti ritiene saggio tornare in dietro. È inutile dire quali enormi interessi si celino dietro la ricostruzione delle mutue. Fu Rosy Bindi, oggi presidente del Pd e nel ‘99 ministro della Salute, a sdoganare con la sua riforma le mutue integrative (dopo che le mutue erano state proibite dalla riforma del 1978).

 OGGI il governo Monti ci pone di fronte a una premessa fallace e a una falsa alternativa: siccome abbiamo problemi di bilancio, o aumentiamo le tasse o diminuiamo i servizi cioè cambiamo il sistema.

Tocca al riformismo vero, al pensiero forte rispondere: mi riferisco a quel riformismo che non alberga, purtroppo, né negli assessorati né nei ministeri, ma nel mondo della sanità e dei servizi, nelle esperienze dei cittadini organizzati, nei progetti e nelle strategie di medici e infermieri, nella cocciutaggine di chi in questi anni ha cercato le strade per conciliare i diritti con i limiti economici.

 Occorre una “riforma pubblica” che organizzi questo immenso patrimonio. Al ricatto “più tasse o meno servizi” dobbiamo rispondere con il cambiamento intelligente che alleggerisca il sistema, che lo ripensi profondamente, che lo moralizzi dalle tante forme di corruzione e di speculazione, che riduca il numero delle malattie e dei malati, insomma che lo faccia costare strutturalmente di meno e funzionare meglio.

Far morire la sanità pubblica è un crimine contro gli italiani, perché non conviene a nessuno, neanche ai più ricchi.

Niente ci obbliga a farlo: tutti, ma proprio tutti i problemi oggettivi della sanità sono risolvibili.

 Si tratta solo di svecchiare, rinnovare, reinventare, riformare… ri - formare… e ancora riformare. *Docente all'Università Tor Vergata di Roma, esperto di politiche sanitarie