Barcelona, Berlin, Rome and Venice: The cities that are sick of tourists

http://www.traveller.com.au/barcelona-berline-rome-and-venice-the-cities-that-are-sick-of-tourists-gwumm8

by Ben Groundwater

"Gaudi hates you."
That's one of the more amusing pieces of graffiti that has appeared in Barcelona recently, one of a few pointed references to the fact the city's residents aren't exactly happy these days about living in one of the world's most popular tourist destinations. You might be visiting Barcelona because you love Gaudi, but would Gaudi love you?


The famous Catalan architect might well be horrified to see what his elegant city has become thanks to the modern influx of tourists: the tacky T-shirt stores that crowd every corner; the hundreds of peddlers of those stupid glow-in-the-dark things you flick into the air; the food markets that are now filled not with discerning shoppers, but with gawking tourists fighting for selfie-stick room.


Maybe Gaudi would have hated that. What's more certain, however, is that some of Barcelona's current residents do.


You can see it in the graffiti. You can see it in the harsh laws attempting to halt the spread of services like Airbnb, a vain attempt to keep the stag-do crowd out of the suburbs, to keep the photo-taking foodies out of the locals-only bars. You can see it in the faces of the market sellers who have to contend with huge crowds of onlookers who don't want to buy anything.


No wonder there's a backlash. Surely people in Barcelona don't want to live in a tourist attraction, don't want to exist purely as a backdrop for Instagram photos. They want to live in a normal city, a place where they'll have the same neighbours next week and the week after, where they can go to the market and buy some jamon and not have to push past a group of hungover tour passengers taking photos of the tomatoes to get there.


And the Catalans aren't the only Europeans beginning to push back against the weight of the tourist hordes. There are signs that the Romans, too, have had enough. There's now a "picnic ban" in the Eternal City, forbidding tourists from stopping to eat on top of well-known sights such as the Spanish Steps. Visitors will also be fined if they sit on the edge of historic fountains, including the Trevi, or, worse, attempt to dive into one for a hilarious novelty bath. 





Spanish Steps, Rome. Photo: iStock


In Berlin there's a similar feeling of frustration. Rent is skyrocketing and suburbs are rapidly gentrifying, particularly neighbourhoods like Kreuzberg and Neukolln, thanks to the arrival of tourists and their money. Venice, too, has long felt more like a theme park that an actual living city.





Kreuzberg, Berlin. Photo: iStock


It was inevitable that there would be an adverse reaction to this mass tourism, to the sheer weight of numbers crowding streets and famous monuments, to the changes tourists bring to the social fabric of these cities. It's also understandable.


As a traveller, this presents you with a dilemma. You want to see the world, of course; you want to visit these amazing places that everyone else is going to. But you also have to respect the fact that you're adding to a problem here. You can tell yourself as much as you like that you're a "traveller, not a tourist", but no one knows the difference when you're just another body adding to the crush in the Boqueria market, when you're just another face in the crowd around the Trevi Fountain.


In fact, "travellers" are a major part of the issue. They want to get off the beaten track, they want to see the "real" city – but in doing so they're breaking down the traditional tourist/local barriers, they're popping up in quiet neighbourhoods, invading locals-only havens in the name of seeing something authentic. At least the tourist crowd just congregates in one spot and can easily be avoided.


So what do you do? What's the solution? I love Barcelona. I don't want to stop going there. Same with Rome. I've got carbonara to eat. I love Berlin with a passion. And I'm also the sort of person who seeks out those locals-only neighbourhoods, who wants to feel that they're seeing a side of the city that others are missing out on.


It's a difficult one to balance. The only thing you as a traveller can do, really, if you still want to visit, is attempt to limit your impact when you're in these cities: learn some of the local language so you're not making a nuisance of yourself in bars and restaurants; treat Airbnb apartments (and your temporary neighbours) like they're your own from back home; buy food when you go to gawk at a local market; talk to people instead of just pointing your camera at them; in fact, put your camera away for a while and just live.


It's not a perfect solution. But at least it's a thoughtful way to lessen your impact while still being able to see the world. Surely Gaudi would appreciate that?


Do you think tourists are a problem in places like Barcelona and Rome? Is it understandable that locals are tired of it? What do you do to lessen your impact?

Pomodoro industriale antiumano! Hybrid Tomato against mankind!

http://www.raiplay.it/video/2017/05/Indovina-chi-viene-a-cena-9e031764-9831-468b-8982-a931110a9703.html

Pomo d'oro è un racconto di Sabrina Giannini e Marcello Brecciaroli.

Passata, pezzettoni, pelati: che pomodoro si nasconde nei barattoli che compriamo al supermercato? Il pomodoro da trasformazione non ha neanche più un nome, solo una sigla, quella del seme industriale da cui è prodotto.

Un seme ibrido, almeno il 90% dei pomodori in commercio oggi, sia quelli da insalata che quelli per le salse, vengono realizzati con semi ibridi, nati da incroci a tavolino al servizio di maggiore produttività e resistenza.
Un dato è certo: a forza di incroci in nome di maggiore produttività e resistenza il pomodoro europeo ha perso il sapore, è andato perduto il gene del gusto.

 E oggi si corre ai ripari, servendosi dei semi antichi. Ma di nuovo in laboratorio, per creare un nuovo ibrido 'gustoso'

Volete followers su Instagram? comprateli...

Molti non sanno che i followers su Instagram sono comprabili on line pure a prezzi economici, ecco qualche esempio:

https://www.socialshop.co/instagram/buy-instagram-followers/

http://buzzoid.com/

http://www.idigic.net/buy-instagram-followers/

http://profollower.com/

E non dimentichiamo che pure i like si possono comprare, insomma un tanto al kg!

https://www.getmassfollowers.co.uk/product-category/instagram/

Si potrebbe andare avanti ad elencare links per giorni, basti pensare che digitando su google:
buy followers instagram

ci sono 16.100.000 risultati circa 

Facile no?

Si, facile e moralmente schifoso, infatti  Stilinga non compra manco 100 followers ma scommette contro questa illusione virtuale, sperando forse ingenuamente che i social potranno pure essere un po' meritocratici, o no? (tutto sempre finto? tutto sempre pagabile?) e aspetta che ci siano seguaci in carne e ossa che decidano volontariamente di seguire l'account, seguaci sì ma solo quelli veri.

In fondo solo i Real Followers contano. Il resto è fuffa fatturata.

E questa consapevolezza fa cambiare totalmente idea rispetto alle regine di Instagram tipo Kim Kardashian West con i suoi 99 e rotti milioni (di robot?) di followers, o Selena Gomez con 117 milioni, etc, etc.
Ecco un link dove controllare chi, tra le celebrities è più seguito su instagram:
http://www.marieclaire.com/celebrity/a23863/most-followed-celebrities-on-instagram-in-2016/

ROMA E’ IL TEATRO DEGLI IMPUNITI


Solo i vigili non hanno visto l’impiccagione dei manichini, i bagni nella fontana di Trevi, i graffiti sui momumenti, i troppi delitti esibiti
By Francesco Merlo 6 maggio 2017 la Repubblica

È ormai un teatro degli impuniti, la grande Roma, una sorta di parco- giochi plebeo dove solo i vigili, che sono addestrati appunto per vigilare, non si sono accorti dell’esecuzione in effigie al Colosseo dei quattro calciatori giallorossi, manichini impiccati alle 23,30 di giovedì con il coro del vaffanculo ritmato populo flagitante, a richiesta del pubblico, che infatti filmava, rideva, strabuzzava gli occhi, insomma si godeva la messa in scena.
Né si erano accorti dei natatores a Fontana di Trevi — quattro in venti giorni — questi famosi pizzardoni che, “facce di ciechi e occhi senza sguardo”, non hanno visto i carnifices dei quattro giallorossi. Del resto neppure avevano beccato i foedatores di monumenti alla Barcaccia, al Pantheon e — di nuovo e soprattutto — al Colosseo che, come dice il mitico Gracco nel Gladiatore di Ridley Scott “è il cuore pulsante” di questo giardino delle meraviglie che è il centro di Roma, sempre pieno di polizia comunale e tuttavia sempre incustodito, forse per omertà stracciona o forse per assenteismo da fannulloni con l’aria indaffarata.
E va bene che gli Irriducibili della Lazio hanno intanto assolto anche l’impiccagione in effigie, come fosse goliardia, roba da Rugantino: erano “boiaccia” sì, ma anche bonari. E però la polizia di Stato non è ancora certa che i tifosi giustizieri non abbiano appeso quattro della loro stessa squadra per regolare conti interni. Comunque sia, l’Inquisizione, che a Roma ebbe la sua seconda capitale dopo Palermo, riservava la morte in effigie a chi scappava a nascondersi che in latino si dice lateo, e quindi latitanti, e qualche volta anche ai morti: “cane morto” gridano nella curve al brocco senza onore, al miles ingloriosus. E infatti nella Roma dell’Inquisizione il corpo del traditore veniva addirittura dissepolto per essere impiccato.
E tuttavia si capisce, anche se non è giustificabile, l’accanimento dei tifosi sull’effigie, a simboleggiare l’indefettibilità della giustizia fanatica, perché questo sono gli ultrà: fanatici. Quello che invece non si capisce è il senso di impunità, che di questa Roma è ormai la mala aria, la complicità ambientale con la suburra calcistica e con i turisti che si immergono nella Fontana — almeno quattro bagni in venti giorni e nessun conta gli spettacolari pediluvi e i tantissimi tentativi di arrampicarsi sulle statue per toccare la barba di Oceano.
C’è stato anche l’artista che si è immerso nudo perché, come Achille nello Stige, voleva rubare l’eternità all’acqua “immortale di martiri e di santi” recita l’inno Pontificio. E ci sono le signore che si sono bagnate perché in tutte le guide del mondo c’è scritto che lì Fellini fece immergere la sua Anitona e la fontana non è solo un monumento, ma è anche un simbolo occidentale: è l´acqua della dolce vita, il logo della vacanza italiana, l’arrivederci Roma con la moneta del ritorno. In qualsiasi altra città, nei luoghi così belli e identitari — la Torre Eiffel a Parigi, il Big Ben a Londra — basterebbe, per dirla alla Camilleri, “ un fil di fumo” ad allarmare il mondo.
Del degrado di Roma è diventato persino noioso parlare, sembra l’accanimento di un disco rotto, la stanchezza dell’eterno ritorno: i roghi dei bus, i cassonetti di nuovi stracolmi, la puzza esaltata dal caldo precoce, le buche — piccola novità — che ogni tanto squadre di volontari affrontano con pala e catrame, organismi vivi della decomposizione come quegli immigrati che avevano cominciato a pulire le strade in cambio di piccoli aiuti dai commercianti e dai residenti ma ora, anche loro, hanno preso l’aria svogliata degli impiegati romani.
E ogni giorno le radici degli alberi divelgono l’asfalto sulla Cristoforo Colombo, sulla Salaria … e il Comune, forse per difendersi da eventuali cause legali, ha imposto il limite di velocità di trenta all’ora. E intanto i rami si abbattono sulle teste dei passanti e dei motociclisti: incidenti, feriti, persino un morto.
Ebbene, il solo controllo occhiuto in questa Roma, dove i graffiti imbrattano anche i monumenti, non è quello dei poliziotti urbani che pure deambulano come flâneur in divisa, ma è quello dei gabbiani che ai romani un giorno parvero bellissimi perché volavano lontano e in alto, e adesso che mangiano i piccioni, mostrano il loro vero aspetto di soddisfatti topi con le ali. Sono loro che governano il territorio: i gabbiani che si sono impadroniti della saporita spazzatura urbana in una città dove l’accattonaggio umano è forse più selvaggio, e dove il Comune ha deciso di tenere aperte le ville storiche anche la notte.
Sono tornati, reintegrati al loro “posto di lavoro” dal proverbiale Tar del Lazio, i finti gladiatori con la scopa sulla testa, e la gens abusiva si è divisa tra abusivi legalizzati, semilegalizzati e quelli ai quali è stato promessa una legalizzazione. E sono ovviamente comparsi altri questuanti, variazioni dello stesso genere: i più strambi sono quelli che propongono ai turisti foto ricordo con pappagallini con le ali tagliate, come fosse una fauna romanesca.
Come stupirsi alla fine che nel centro ridotto peggio della periferia la polizia non veda mai di nulla e non faccia le multe neppure a quelli che, trovato l’angolino giusto al Colosseo, mingunt ad murum? Né stupisce che ora rivendichino l’esecuzione politicamente corretta i selvaggi del calcio che nelle tante trasmissioni radio — “e che sarà mai?” — stanno dando vita alla figura ossimorica dell’ultrà per bene. Ma sì, è stata solo un’impiccagione giocosa di manichini, un allegro vaffanculo tra amici.

Roma: la grande monnezza!





I delusi del lavoro: la flessibilità non ha vinto, torna la richiesta del posto fisso

Il sondaggio. Più di due italiani su tre pensano che abbia ancora senso celebrare il Primo maggio. E nell'indagine Demos-Coop oltre il 70 per cento è a favore del ripristino dell'articolo 18

da: http://www.repubblica.it/economia/2017/04/29/news/i_delusi_del_lavoro_la_flessibilita_non_ha_vinto_torna_la_richiesta_del_posto_fisso-164159199/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P1-S1.8-T1

Il "lavoro" rimane un riferimento importante per la nostra società. Così la "Festa del lavoro" del Primo maggio suscita sempre grande consenso. Lo conferma il sondaggio condotto, nei giorni scorsi, dall'Osservatorio sul Capitale sociale di Demos-Coop per Repubblica. Più di due italiani su tre ritengono, infatti, che "celebrare" il Primo Maggio abbia ancora senso. È un sentimento diffuso in tutta la popolazione. Senza chiare "esclusioni" ideologiche. E quindi anche fra gli elettori di centro-destra e di destra. Celebrare il lavoro, a questi italiani, appare tanto più significativo perché si tratta di una risorsa sempre più scarsa e dequalificata. Una larga parte degli intervistati, oltre 7 su 10, afferma di non aver percepito la ripresa. Secondo loro, l'occupazione non è mai ripartita. E se le statistiche dicono cose diverse, loro non se ne sono accorti. Semmai, pensano che si sia allargato il lavoro "nero". E, ancor più, il lavoro "precario". Ne sono convinti 3 italiani su 4. D'altra parte non c'è fiducia nella politica e nelle politiche. Nei risultati delle leggi approvate negli ultimi anni. Meno di 1 italiano su 10 pensa che il Jobs Act abbia prodotto effetti. Mentre l'abolizione dei voucher ha convinto quasi tutti gli intervistati. Ma del contrario: allargherà ancor più il lavoro nero e precario. Il "reddito di inclusione sociale", invece, per ora, lo conoscono in pochi.

Così, il lavoro resta un riferimento importante, per gli italiani. Almeno, per gran parte di essi. Che celebreranno il Primo Maggio con un sentimento di "attesa". L'attesa che il lavoro ritorni. D'altronde, si assiste a un mutamento sensibile dei progetti, professionali e di vita, tra gli italiani, rispetto agli ultimi anni. In particolare, ritorna, con forza, la richiesta del "posto fisso", soprattutto nel settore pubblico. Checco Zalone lo aveva colto - e narrato - con efficacia, nel suo film "Quo vado?", un anno e mezzo fa. Oggi quell'intuizione appare confermata dai dati di questo sondaggio. Che, a differenza del film di Zalone, non sono divertenti. L'indagine di Demos-Coop, infatti, ci racconta come, nell'ultimo anno, il clima d'opinione intorno alle professioni libere e liberali si sia sensibilmente raffreddato. La quota di persone che, per sé e i propri figli, vorrebbero un'attività in proprio o da libero professionista, infatti, è in calo. Di qualche punto. Mentre l'unica vera "ripresa" convinta, nell'ambito del lavoro e dei "lavori", riguarda, appunto, il "posto fisso". Sottolineato dalla crescente importanza attribuita agli Enti Pubblici. Tanto delegittimati (per non dire disprezzati), come soggetti e come istituzioni, quanto apprezzati, come sbocchi professionali. Si ripropone, dunque, uno scenario noto, in un passato recente. Quando il grado di attrazione di "un" lavoro, coincideva con il suo livello di "sicurezza". Intesa come "stabilità" e "continuità". Mentre la "flessibilità" piaceva agli imprenditori - e ai politici "liberisti". Ma non ai lavoratori. Per questa ragione è significativo il sostegno espresso, nel sondaggio Demos-coop, all'ipotesi di ripristinare l'art. 18 dello Statuto dei lavoratori, abrogando le modifiche apportate dal Jobs Act del governo Renzi. Questa proposta, avanzata dalla Cgil, come quesito da sottoporre a referendum, era stata bocciata dalla Corte costituzionale, lo scorso gennaio. Ma oggi, nel sondaggio, ottiene il consenso di 7 italiani su 10. È un indice ulteriore del livello di sfiducia e di incertezza che pervade la società nei confronti del lavoro. Soprattutto e tanto più, negli ultimi anni.

LE TABELLE

Tuttavia, alcuni segnali muovono in direzione diversa. Espressi, però da chi ha un lavoro. Ne indichiamo due, fra gli altri.

Il primo: le aspettative nel futuro. Cresce, infatti, la quota di lavoratori che scommettono su una situazione personale migliore, "nei prossimi 2-3 anni". Oggi è circa il 30%. Tuttavia, quasi un lavoratore su due ritiene che la propria condizione non cambierà. E per il 18% potrebbe, perfino, peggiorare. L'altro segnale in controtendenza riguarda la soddisfazione del lavoro svolto. Molto elevata, per il 55% del campione intervistato da Demos-Coop. Ma, comunque, più che sufficiente, per un altro 27%. Solo il 18% degli italiani, in definitiva, si ritiene insoddisfatto del lavoro svolto. Tuttavia, il problema riguarda "gli altri". La componente "esclusa" dal mercato del lavoro. A questo proposito è interessante il tratto generazionale che impronta l'insoddisfazione. Particolarmente marcata fra i "giovani-adulti". Coloro che hanno fra 25 e 34 anni. Nati fra i primi anni 80 e 90. Le fasce "anziane" dei Millennials. Ancora "giovani" e non ancora "adulti". In una società nella quale la giovinezza si prolunga sempre più, ma riflette dipendenza, rinvio dell'autonomia. I "giovani-adulti": non riescono ad affrancarsi dalla famiglia (non conviene), né a mettersi davvero in proprio. Oggi, si sentono più precari di alcuni anni fa. Sicuri che, se mai riuscissero a raggiungere la pensione, questa non basterebbe per vivere.

A loro, il lavoro appare un'esperienza meno soddisfacente rispetto agli altri. Anche perché, più degli altri, ne sono esclusi. Per questo, come gran parte della popolazione, ritengono che i giovani, per fare carriera, se ne debbano andare dall'Italia. E molti di essi se ne vanno davvero. Spesso non ritornano. La loro "insoddisfazione", peraltro, si è espressa anche politicamente, quando hanno bocciato, in massa, il referendum costituzionale.

I giovani-adulti: sono lo specchio di una società che invecchia senza accettarlo. Una società di finti-giovani.

Iphone? si, made by slaves




Com’è davvero lavorare in una fabbrica cinese dove si fanno gli iPhone: il racconto di un ex operaio


da: http://www.corriere.it/tecnologia/17_aprile_12/lavorare-una-fabbrica-iphone-incubo-0a9b1a22-1fa2-11e7-a630-951647108247.shtml




Uno studente svela su “Business Insider” le sue 6 settimane alla catena di montaggio di Pegatron, fornitore cinese di Apple: «12 ore al giorno ad avvitare le stesse viti»


di Antonella De Gregorio


Com’è lavorare in una fabbrica cinese che produce iPhone? Un inferno. Dodici ore al giorno di noia, turni massacranti, cibo scadente, poco riposo, controlli di sicurezza asfissianti. E, neanche a dirlo, nessuno spazio per lamentarsi. Lo ha raccontato Dejian Zeng, studente dottorando alla New York University, che ha svolto un tirocinio estivo di sei settimane alla Pegatron, una vera e propria città-fabbrica nella periferia di Shanghai. Pegatron è uno dei fornitori cinesi di Apple, tra le aziende che assemblano i prodotti della Mela. Business Insider ha raccolto la sua testimonianza: «Immaginate di andare a lavorare alle 7.30 ogni mattina, e di trascorrere dodici ore, pasti e pause compresi, all’interno di una fabbrica il cui vostro unico compito è quello di inserire una singola vite nella parte posteriore di uno smartphone, ripetendo l’operazione tutto il giorno, senza sosta, 1.800 volte al giorno». E alla fine del periodo di addestramento, viene consegnato un foglio di valutazione sul grado di istruzione ricevuta, ma «si è obbligati a dare punteggi superiori a 4 su una scala di 5».

La catena


Zeng ha raccontato nel dettaglio in cosa consisteva il suo lavoro: «Sono stato assegnato a una catena di montaggio nel reparto chiamato Fatp (Final Assembly, Test & Pack ovvero assemblaggio finale, test e confezionamento, ndr) . Una catena può avere anche cento stazioni e ognuna ha una funzione precisa. Io ho iniziato lavorando sugli iPhone 6, poi sono passato agli iPhone 7. Mi dovevo occupare di fissare lo speaker alla scocca del telefono». All’inizio doveva mettere grande concentrazione nel suo lavoro, racconta, per raggiungere la velocità della linea di montaggio. Ma una volta presa la mano, il lavoro è diventato terribilmente ripetitivo e noioso: «Non c’è tempo di pensare a niente. Devi essere solo veloce. Preciso e veloce. Arrivi a farlo anche ad occhi chiusi, non è difficile, ma alienante». Vietato ascoltare musica, distrarsi, parlare con i colleghi. Ogni due ore, una pausa di dieci minuti. «Durante la pausa molti dormono - racconta lo studente - . Se si vuol bere o andare in bagno, bisogna decidere a cosa dare priorità perché non si può sgarrare sui tempi». Per il pranzo, pausa di 50 minuti: nel piatto panini o noodles. A volte un frutto in aggiunta. «Il cibo non è di qualità ed è a pagamento», dice il ragazzo. «Tutti mangiano in un’unica grande mensa. E c’è chi si affretta a mangiare per poter strappare qualche minuto per un pisolino. Ma non puoi farti trovare a dormire: puoi essere ripreso, per questo».




Grande fratello


C’è un’app che Pegatron, secondo Zeng, ha sviluppato con Apple. Tutti i lavoratori sono obbligati a scaricarla ed è stata introdotta per «migliorare la qualità del lavoro». Registra tutto: pause, velocità di esecuzione, assenze, ritardi. Dati che vengono poi esposti alla catena di montaggio. I superiori controllano e possono rimproverare il lavoratore poco efficiente o togliergli denaro dallo stipendio. E ancora: ogni giorno tutti i dipendenti passano attraverso un metal detector, per impedire che attrezzature e materiali escano dalla fabbrica e stroncare così i tentativi di spionaggio industriale. Gli operai si dispongono in fila, all’ingresso, per il controllo dei badge e per evitare intrusioni sono previsti anche controlli facciali. Gli stipendi, se non ci si piega a fare gli straordinari, sono molto bassi.

Come in caserma


Le condizioni di vita ricordano quelle delle caserme: docce in comune (e spesso manca l’acqua calda), stanze sovraffollate, pulizie sommarie. Zeng dormiva con altre sette persone in un dormitorio che raggiungeva con una navetta, alla fine del turno di lavoro. Arrivati in stanza, l’unico svago era guardare un film sul telefonino («anche se il wi-fi non funziona bene»). Per il suo lavoro, nel primo mese è stato pagato 3100 yuan, circa 425 euro, straordinari compresi.

Controlli


La fabbrica cinese Pegatron entrò nelle cronache di tutto il mondo nel 2013, quando il China Labor Watch, che monitora le condizioni di lavoro nelle fabbriche cinesi, ha pubblicato un rapporto spiegando come l’azienda forzasse i suoi operai a condizioni di lavoro estenuanti, contrarie alla legge cinese e al codice di comportamento che Apple fa sottoscrivere ai suoi fornitori esterni. L’organizzazione aveva anche chiesto l’apertura di un’indagine su alcune morti sospette all’interno della fabbrica, legate, secondo gli attivisti, alle difficile condizioni di lavoro. Da allora, Apple ha effettuato controlli e ottenuto aumenti salariali, negli ultimi cinque anni, di oltre il 50%, tetti alle ore di straordinario e miglioramento delle condizioni di lavoro. Ogni anno Apple pubblica un dettagliato «Report annuale sulla responsabilità dei fornitori»: da poco sul sito ufficiale è comparsa l’ultima edizione.

Produzione


Come molti big della tecnologia, il colosso di Cupertino appalta la produzione di quasi tutti i suoi computer e telefoni a fornitori cinesi, come Pegatron. Un tema che è diventato anche politico, da quando Trump ha chiesto di riportare la produzione - e i posti di lavoro - negli Stati Uniti. Quanto a Zeng, che nel periodo trascorso alla Pegatron si aspettava da un momento all’altro di assistere a una protesta o uno sciopero (che non si sono mai verificati), dopo l’esperienza in Cina ha deciso di dedicarsi alla difesa dei diritti umani: «Non mi pentirò mai di aver scelto questa carriera», ha dichiarato.

Retribuzioni, i lavoratori italiani tra i più poveri d’Europa

http://www.repubblica.it/economia/miojob/lavoro/2017/03/28/news/retribuzioni_i_lavoratori_italiani_tra_i_piu_poveri_d_europa-161539180/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P5-S1.8-T1

Le retribuzioni dei lavoratori italiani, a tutti i livelli, sono in linea con la media europea ma a differenza della maggior parte della popolazione dei Paesi del continente, i nostri connazionali soffrono per un basso potere di acquisto dovuto al costo della vita. La conferma di quanto molti vedono alla fine del mese emerge dall'ultima indagine Global 50 Remuneration Planning della società di consulenza Willis Towers Watson.

Analizzando la media della retribuzione annuale lorda delle prime 20 economie europee, i manager di medio livello e i nuovi entrati nel mondo professionale italiani si posizionano al 14° posto del ranking, posizione che cambia però se ad essere presa in considerazione è la media relativa al potere d'acquisto: i primi scendono alla 17esima posizione, i secondi alla 15esima. L'alto livello di tassazione del Paese e l'alto costo della vita fanno sì che il "potere d'acquisto" di uno stipendio italiano sia notevolmente inferiore a quello della maggior parte dei Paesi europei compresi Paesi Bassi, Irlanda, Francia, l'Austria, e tutti i paesi scandinavi. Il report indica inoltre che in Italia, un middle manager tipicamente ha una retribuzione base annua di circa 69.000 euro, che scendono a 25.500 per un entry level. Considerando il potere di acquisto, i primi passano a una retribuzione di poco inferiore a 43.000 euro, gli entry level soffrono un po' di meno per ricchezza relativa posizionandosi con un salario vicino a 23.500 euro.

Gli stipendi italiani restano tra i peggiori d'Europa






Secondo gli ultimi dati dell’agenzia europea di statistica in quasi tutti i settori i nostri salari medi non reggono il passo con quelli francesi, tanto meno con tedeschi o inglesi. E il divario tra uomini e donne cresce con l'età.

per approfondire: 

Ryder Cup, il governo riprova l’assalto per stanziare 97 milioni. E (solo) ora il golf esce allo scoperto: “Salvate quel torneo”

da: http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/02/09/ryder-cup-il-governo-riprova-lassalto-per-stanziare-97-milioni-e-solo-ora-il-mondo-del-golf-esce-allo-scoperto-salvate-quel-torneo/3377277/

Senza la garanzia dello Stato, la società che detiene i diritti della manifestazione potrà revocare all'Italia l'organizzazione della competizione. Per l'esecutivo è lotta contro il tempo. E dopo diversi tentativi di infilare il provvedimento di nascosto, insiste sullo stanziamento. L'ultima carta è (l'eterno) Milleproroghe. FederGolf quasi rassegnata: "C’è una percentuale molto alta di possibilità che il torneo non si faccia più da noi"

Hanno provato a infilarla ovunque, nascosta nelle pieghe di provvedimenti che con lo sport non avevano nulla a che fare. Prima nella manovra (alla voce sport e giovani), poi nel decreto fiscale, infine nel Salva-risparmio (con un emendamento a una legge sullo sport dilettantistico). Non hanno mai spiegato: il progetto, le voci di spesa e come i soldi pubblici sarebbero stati impiegati, con la trasparenza come optional neanche preso in considerazione. Sono stati scoperti, sempre. E il tentativo è stato rispedito al mittente, per il merito ma soprattutto per il metodo. Ora, quando il tempo per salvare capra e cavoli è quasi scaduto, la buttano in politica: colpa dei populismo, del partito del “no tutto”, dei disfattisti. E invece se la garanzia statale da 97 milioni di euro per la Ryder Cup di golf è stata bloccata ieri dal presidente del Senato Pietro Grasso e prima ancora dalla Commissione finanze della Camera, la causa è molto chiara: la strada da percorrere era sbagliata. Serviva un’iniziativa alla luce del sole, un disegno di legge ben spiegato. Organizzatori, FederGolf, ministri, premier ed ex premier lo hanno capito solo ora, con colpevole ritardo. Rimedi? Cambiare strategia, all’ultima curva di un percorso compromesso da scelte sbagliate e arroganza di palazzo e di potere.
“Adesso la Ryder Cup è davvero a rischio”. Dall’altra parte del telefono c’è chi sin dall’inizio ha scommesso sull’edizione italiana del torneo di golf più importante al mondo. Risponde alle domande del fattoquotidiano.it, vuole rimanere nell’anonimato ed è molto preoccupato: sa, infatti, che senza la famosa garanzia governativa l’Italia è ad un passo dal perdere la manifestazione che si dovrebbe tenere (condizionale d’obbligo a questo punto) nel 2022 a Roma. Cosa che, dal punto di vista del mondo del golf, è una mezza tragedia. I 60 milioni già nascosti e approvati nella legge di Bilancio non bastano: secondo quanto apprende ilfattoquotidiano.it, lunedì 13 febbraio scade il tempo a disposizione del Comitato organizzatore per presentare alla società detentrice dei diritti della manifestazione la copertura economica totale dell’evento. Una copertura che al momento non c’è e che rappresenta la conditio sine qua non posta dagli inglesi al momento dell’assegnazione. A questo punto il Milleproroghe, in chiusura in questi giorni al Senato, diventa l’ultimo treno su cui il governo tenta di salire, dopo aver tentato di infilare di nascosto questa garanzia in una serie di provvedimenti degli ultimi mesi. Ma i tempi e i margini di manovra sono strettissimi, e all’interno degli stessi ambienti federali è maturata la consapevolezza che “c’è una percentuale molto alta di possibilità che il torneo non si faccia più da noi”.
IL PUNTO DI VISTA DEI GOLFISTI – Mercoledì mattina, quando in aula Grasso ha spiegato che l’emendamento firmato dal senatore Turano è inammissibile perché il decreto “serve per tutelare i risparmiatori e non i golfisti o gli organizzatori delle manifestazioni golfistiche”, alla FederGolf è crollato il mondo addosso. Immediatamente sono iniziate le telefonate incrociate tra il Comitato organizzatore, il Coni e il ministero dello Sport: non si aspettavano l’ennesima bocciatura, la terza dopo lo stralcio dalla manovra e dal decreto fiscale per l’opposizione del deputato dem Francesco Boccia alla Camera. Anche perché al Senato tutto sembrava essersi risolto, dopo l’ok della Commissione Finanze. La dichiarazione di inammissibilità è stata un fulmine a ciel sereno, di cui i diretti interessati non hanno nemmeno compreso subito la portata. In Federazione e all’interno del governo pensavano di avere più tempo: infatti avevano già cominciato a ragionare sull’ipotesi di presentare un ddl ad hoc in parlamento, come confermato anche dalle prime dichiarazioni a caldo del presidente Chimenti a Repubblica.it (poi parzialmente ritrattate). Invece adesso siamo alla corsa contro il tempo, come ammette persino il ministro dello Sport, Luca Lotti: “Mi dispiace ma a questo punto vedo la strada un po’ più in salita”.
GLI INGLESI ASPETTANO LA SCADENZA – Lunedì 13 febbraio il Management Board della Ryder Cup Europe si riunirà in Inghilterra: aspetta dal Comitato organizzatore la presentazione dei documenti, comprese tutte le garanzie economiche che sono state sottoscritte nel contratto. A quanto risulta a Il Fatto.it, quel documento prevede, nero su bianco, l’impegno dello Stato italiano per un totale di 157 milioni di euro, la cifra esatta a cui ammonta il business plan dell’evento: 60 milioni di euro (i contributi pubblici che serviranno per triplicare il montepremi dell’Open d’Italia) ci sono, gli altri 97 no. La garanzia è vincolante e la scadenza non più derogabile: per questo adesso è davvero possibile, per non dire probabile, che l’edizione del 2022 salti definitivamente. Contattati da ilfattoquotidiano.it, dall’Inghilterra per il momento preferiscono non sbilanciarsi: “Siamo in costante contatto con la Federazione dal giorno dell’assegnazione e continueremo ad esserlo. Non abbiamo altro da aggiungere” sono le uniche dichiarazioni ufficiali della Ryder Cup Europe, che lascia aperto uno spiraglio. Ma il governo dovrà correre ai ripari entro lunedì. Anzi, prima.
DOPO I TENTATIVI TRUFFALDINI IL GOVERNO TENTA LA CARTA-DISPERAZIONE – L’ultimo strumento normativo in cui provare a reinserire la garanzia è infatti il Milleproroghe, che però è in dirittura d’arrivo al Senato: il termine per la presentazione degli emendamenti da parte dei senatori è già scaduto, fino a giovedì 9 febbraio possono ancora essere depositate proposte di modifica da parte del governo o del relatore (il senatore Stefano Collina, renziano doc). L’esecutivo sembrava poco orientato a percorrere questa strada, per evitare altre figuracce e non urtare la sensibilità della presidenza che si è già pronunciata negativamente (anche perché anche qui ci sarebbero gli estremi di inammissibilità, e le opposizioni sono ormai sul piede di guerra). Ma a questo punto non sembrano esserci alternative (difficile ipotizzare un decreto d’urgenza ad hoc) e il governo potrebbe fare un ultimo tentativo: “Ci proveranno ancora”, si dice nei corridoi di Palazzo Madama. In Federazione, invece, hanno deciso di convocare una conferenza stampa d’emergenza per provare a spiegare all’opinione pubblica cosa accadrà. Nell’ordine: che la garanzia non verrà toccata grazie agli accordi con Infront e altri sponsor, che lo Stato guadagnerà dalla manifestazione 83 milioni di euro solo di contributi fiscali e che le varie iniziative previste a favore dei giovani faranno bene a tutto il movimento. Tutto quello che non è stato fatto fino ad oggi, e che qualcuno forse adesso si è pentito di non aver detto prima. La mossa della disperazione per cercare di ottenere il via libera alla garanzia entro il fine settimana, dopo mesi di silenzio e di nessuna trasparenza: sia da parte della politica (che ha infilato le misure pro Ryder Cup in tutte le occasioni possibili e immaginabili) che dagli organizzatori, che non hanno mai risposto alla richiesta di spiegazioni sul progetto. “Non si neghi questa opportunità al nostro Paese solo per una inutile rincorsa al populismo” è l’appello del ministro Lotti. “Qui non è che il golf vuol vincere la candidatura: è già stata acquisita con impegni già presi. A meno che il Paese non voglia fare una figura che si commenta da sola, non dobbiamo aggiungere altro” precisa il numero uno del Coni, Giovanni Malagò.
Se così non sarà, lunedì il comitato organizzatore scriverà una lettera piena di imbarazzo al Board della Ryder Cup, in cui spiegherà che al momento non è stato possibile trovare la copertura governativa per tutte le risorse indicate nel progetto. E proverà a chiedere tempo per rivolgersi ad un altro ente bancario. Ma a quel punto gli inglesi (che pretendono l’impegno diretto dello Stato, e non accettano fidejussioni private) potrebbero davvero decidere che assegnare l’edizione del 2022 all’Italia è stato solo un grosso errore, portando altrove il torneo di golf più prestigioso (e più caro) al mondo. Con grande disagio di chi doveva gestire la questione alla luce del sole e invece ha preferito i giochi di palazzo e di potere.

Gucci Shoes...


A-W 2016/2017
Cover of the book: Shoes published in 2013 by Parkstone Press International

Is there any difference?

Tremonti alla prima di Trump: "È la fine della globalizzazione"

da: 

http://www.ilgiornale.it/news/mondo/tremonti-trump-fine-globalizzazione-1351920.html


Tremonti è l'unico italiano ad essere stato invitato all'Inauguration Day. "Questa data ha una portata storica simile alla caduta del comunismo"
Sergio Rame - Lun, 16/01/2017 - 09:54



"È la fine di un’epoca. È la fine dell’utopia della globalizzazione". Giulio Tremonti guarda al 20 gennaio, il giorno dell'insediamento di Donald Trump alla Casa Bianca.



"Seppur in modo soft - spiega l'ex ministro dell'Economia al Corriere della Sera - questa data ha una portata storica simile alla caduta del comunismo".

Tremonti è probabilmente l'unico italiano ad essere stato invitato alla cerimonia a Washington. "C’ero nel 2001 all’insediamento di George W. Bush – ricorda - e ci sarò anche stavolta, invitato da esponenti del partito repubblicano e del Congresso americano". La svolta che Trump imporrà agli Stati Uniti e, probabilmente, al mondo intero è, però, epocale. "Qualche giorno dopo le elezioni americane, Obama disse a Berlino che la vittoria di Trump non sarebbe stata la fine del mondo - spiega Tremonti al Corriere della Sera - non è stata la fine del mondo ma sarà la fine di 'un' mondo. La giovane talpa populista ha via via scavato il terreno su cui la globalizzazione aveva costruito nell’ultimo ventennio la sua cattedrale".

Per Tremonti la presidenza Trump potrebbe portare con sé la fine dell'utopia della globalizzazione. 

"Un'utopia che era stata costruita sulla base di due formule chiare e interconnesse: 'politically correct' e 'responsibility to protect' - argomenta l'ex titolare del Tesoro - è durata vent’anni esatti. Lanciata nel gennaio del 1996 col secondo mandato alla Casa Bianca di Bill Clinton, immaginata come l’anno zero dell’umanità, articolata come progetto di creazione dell’uomo nuovo e di un mondo nuovo
L’uomo nuovo è il consumatore ideale, l’uomo a taglia unica, a cui vanno cancellate radici e tradizioni, in tutto e per tutto conforme allo schema ideale del consumo e del comportamento politicamente corretto - continua - uno degli ultimi atti di questa presidenza è stato l’adattamento in logica gender delle toilette degli edifici federali...".

Dopo averne parlato tanto e averlo passato a lungo allo scanner, Trump inizierà a fare quanro annunciato in campagna elettorale. "Farà le cose sul serio anche se non alla lettera - mette in guardia Tremonti - non altererà la globalizzazione economica a vantaggio del protezionismo ma introdurrà i dazi e si occuperà della manutenzione dei trattati commerciali. Così come non cancellerà del tutto la riforma sanitaria di Obama ma la riformerà pesantemente". Insomma, non resta che aspettare. E vedere.

E Stilinga pensa che 'sti imbecilli che hanno ideato la globalizzazione volendo "(...) il consumatore ideale, l'uomo a taglia unica, a cui vanno cancellate radici e tradizioni (...)", come dice Tremonti,  non hanno in mente che l'uomo e le donne sono molto di più di questa visione parziale, miope, da marketing becero, quasi nazista, e che le radici e le tradizioni sono il sale della vita; la differenza tra le culture è la bellezza del vivere, è il diletto che arricchisce l'esistenza di ognuno. 

Le creazioni culturali, pregne di tradizioni e di radici e di fiabe e di arte in senso lato e di visioni e di sfumature e differenze sono il vero divertimento che manda avanti la vita, che rende l'umanità ricca, diversa, sfaccettata e che UDITE, UDITE, manda avanti pure l'economia! 

Per quale motivo faresti turismo in un posto uguale a tutti gli altri? 

Che vantaggio ci sarebbe? 
Sarebbe piacevole? no! Sarebbe di una noia insostenibile!

Perchè dovresti comprare vestiti e accessori che vanno bene a tutti? o per la maggiore? che sei un soldatino? con l' uniforme?

Perchè dovresti alimentarti con le cose che mangiano tutti? Che hai uno stomaco unico? un dna unico? No!

Perchè dovresti abitare case uguali, arredate uguali e che "normalizzano" la tua esistenza?

 Che sei così insicuro da non esprimere i tuoi desideri? la tua visione? manco in casa tua?

Mica siamo automi? Mica siamo privi di volontà, mica agiamo in modo meccanico, senza coscienza e  senza consapevolezza!

Ognuno è diverso, ognuno ha esigenze proprie e ognuno ha necessità multiformi, curiose, bizzarre ed è proprio questa caratteristica dell'essere umano che porta avanti il mondo e che lo rende bello.

Gli imbecillissimi creatori della nefasta globalizzazione forse hanno sbagliato target, il loro consumatore è solo il Robot, visto che si prospetta che sarà poi l'impiegato del futuro! 

Cretinetti provate a vendergli la vostra mercanzia e vediamo se l'economia poi gira e se ci sara prosperità! 

Ricordiamo cose scrisse Charlotte Bronte in "Shirley": "(...) La miseria genera l'odio: l'indigente odiava le macchine che, a suo avviso, gli toglievano il pane; odiava gli stabilimenti che le ospitavano; odiava i proprietari di quegli stabilimenti.(...)".

I fautori e i seguaci della globalizzazione stanno preparando un futuro apocalittico, ci sono già quasi riusciti, ma ognuno di noi ha il dovere di remare contro per favorire l'umanità e generare alternative forti al conformismo suicida. Iniziamo subito!

Italia peggio di Spagna, Danimarca e Regno Unito per il lavoro non retribuito

da: http://www.repubblica.it/economia/2017/01/18/news/donne-156282675/?ref=HRLV-6

A Davos record di presenze femminili, ma sul lavoro ancora disparità di generedi BARBARA ARDU'

18 gennaio 2017

ROMA - Più volte accusato di essere un meeting per soli uomini, quest'anno, al Forum di Davos la percentuale di presenze femminili è salita, toccando un record: le donne che partecipano al Forum sono il 20%, più di quanto non siano mai state. Un piccolo passo in avanti che però è una goccia nel mare delle disparità di genere che ancora permane in tutto il mondo, dove la possibilità per le donne di entrare nel mondo del lavoro è inferiore di circa il 27% rispetto a quella degli uomini. E l'italia non fa certo eccezione. Altro che quote rosa. Altro che parità. Perché c'è anche dell'altro: le donne italiane che lavorano quando tornano a casa faticano molto più degli uomini, più di quanto facciano quelle di altri Paesi altrettanto sviluppati. Che sia per accompagnare i figli o per prendersi cura degli anziani, sono sempre le donne a sobbarcarsi il lavoro non retribuito. L'Italia è ultima nel confronto con Spagna, Danimarca, Canada, Nuova Zelanda, Regno Unito, Australia e Norvegia.

La quota di lavoro non retribuito che cade sulle spalle delle italiane è pari al 75%. 

Gli uomini contribuiscono solo con il 25%. 

Sono i dati che emergono da una tabella elaborata nel Rapporto di Oxfam presentato a Davos, che analizza le diseguaglianze di genere nel mondo. E se sui lavori di casa e di cura lo svantaggio rimane, le cose non cambiano, anzi forse peggiorano, se ci si sofferma sulla distribuzione del reddito prodotto in una nazione. Una classifica in cui le donne si trovano il più delle volte nella metà inferiore della distribuzione del reddito. Così come ancora più difficile per loro è accedere al mercato del lavoro.

Nei Paesi del Medio Oriente e in quelli del Nordafrica, solo un quarto delle donne è riuscito a trovare un lavoro, mentre in Asia mediorientale la percentuale sale a un terzo, anche se nelle stesse regioni la quota maschile è di tre quarti (è vero che in qui Paesi ci sono profondi condizionamenti culturali). Una volta entrate nel mercato del lavoro però le donne, occupano, molto più degli uomini, posti di lavoro che non sono tutelati. Niente maternità, niente contributi, niente garanzie. E stipendi più bassi. Nell'edizione 2016 del Rapporto del Forum economico mondiale, è stato calcolato come il divario nella partecipazione economica al lavoro da parte delle donne si sia ampliato nel corso dell'ultimo anno e stima che ci vorranno ben 170 anni (saremo tutti morti) affinché le donne vengano retribuite allo stesso livello degli uomini, a parità di lavoro.

Le ragioni di questo squilibrio, che pare insanabile, è dovuto in parte a una vera e propria discriminazione, soprattutto là dove a parità di mansioni uomini e donne vengono pagati in modo diverso, ma anche dal fatto che il sesso femminile o viene occupato in settori meno retribuiti o perché fa lavori part-time. Ma quanto guadagnano in meno le donne? La parità negata si colloca in una forchetta che va dal 31 al 75% in meno rispetto agli uomini, se si considerano insieme divario salariale e tutela previdenziale. Che fa sì che spesso le donne si trovino alla fine della vita lavorativa senza una tutela economica. Sul mercato del lavoro poi, di donne ai vertici, con alti stipendi se ne trovano sempre poche, anche nei Paesi più avanzati, nonostante nel tempo, le disparità di istruzione tra uomini e donne si siano appianate. E in un futuro non troppo lontano è previsto che le donne supereranno gli uomini sui livelli di istruzione.

E Stilinga pensa che appunto le donne sono più istruite e che quindi debbono necessariamente guadagnare molto più degli uomini, non c'è ragione perchè il mondo vada al contrario! 

Joseph Stiglitz: La rabbia è già esplosa urgenti nuove regole su tasse, bonus e lobby


Il premio Nobel Joseph Stiglitz: “Se la maggioranza dei cittadini si sente esclusa dai vantaggi della crescita si ribellerà al sistema, Brexit e Trump lo dimostrano”  
(da La Repubblica)

Negli ultimi anni, incontrandosi a Davos, i leader del mondo economico e imprenditoriale hanno classificato la disuguaglianza tra i maggiori rischi per l’economia globale, riconoscendo che si tratta di questione economica oltre che morale. 

Non vi è dubbio, infatti, che se i cittadini non hanno reddito e perdono progressivamente potere d’acquisto, le corporation non avranno modo di crescere e prosperare. 

Il FMI è della stessa idea e avverte che a funzionare meglio sono i paesi dove c’è meno disuguaglianza.
Se la maggioranza dei cittadini sente di non beneficiare a sufficienza dei proventi della crescita o di essere penalizzata dalla globalizzazione finirà col ribellarsi al sistema economico nel quale vive. In realtà dopo Brexit e i risultati delle elezioni americane, ci si deve chiedere seriamente se questa ribellione non sia già cominciata. Sarebbe d’altronde del tutto comprensibile. In America il reddito medio del 90% dei meno abbienti ristagna da 25 anni e l’aspettativa di vita ha mediamente cominciato ad abbassarsi.
Da anni, Oxfam fotografa i livelli sempre più accentuati della disuguaglianza globale e ci ricorda come nel 2014 fossero 85 i super ricchi – molti dei quali presenti a Davos – a detenere la stessa ricchezza di metà della popolazione più povera (3,6 miliardi di persone). Oggi, a detenere quella ricchezza sono solo in 8.
È chiaro dunque che a Davos il tema della concentrazione della ricchezza nelle mani di pochissimi abbia continuato a tenere banco. Solo per alcuni continua a essere una questione morale, ma per tutti è una questione economica e politica che mette in gioco il futuro dell’economia di mercato per come la conosciamo. C’è una domanda che assilla, sessione dopo sessione, gli Ad presenti al Forum: «C’è qualcosa che le corporation possono fare rispetto alla piaga della disuguaglianza che mette in pericolo la sostenibilità economica, politica e sociale del nostro democratico sistema di mercato?» La risposta è sì.
La prima idea, semplice ed efficace, è che le corporation paghino la loro giusta quota di tasse, un tassello imprescindibile della responsabilità d’impresa, smettendo di fare ricorso a giurisdizioni a fiscalità agevolata. Apple potrebbe sentire di essere stata ingiustamente presa di mira tra tante, ma in fondo ha solo eluso un po’ più di altri.
Rinunciare a giurisdizioni segrete e paradisi fiscali societari, siano essi in casa o offshore, a Panama o alle Cayman nell’emisfero occidentale, oppure in Irlanda e in Lussemburgo in Europa. 
Non incoraggiare i paesi in cui si opera a partecipare da protagonisti alla dannosa corsa al ribasso sulla tassazione degli utili d’impresa, in cui gli unici a perdere davvero sono i poveri in tutto il mondo.
È vergognoso che il Presidente di un paese si vanti di non aver pagato le tasse per quasi vent’anni – suggerendo che siano più furbi quelli che non pagano –, o che un’azienda paghi lo 0,005% di tasse sui propri utili, come ha fatto la Apple. Non è da furbi, è immorale.
L’Africa da sola perde 14 miliardi di dollari in entrate a causa dei paradisi fiscali usati dai suoi super-ricchi: a questo proposito Oxfam ha calcolato che la cifra sarebbe sufficiente a pagare la spesa sanitaria per salvare la vita di 4 milioni di bambini e impiegare un numero di insegnanti sufficiente per mandare a scuola tutti i ragazzi di quel continente.
C’è poi una seconda idea altrettanto facile: trattare i propri dipendenti in modo dignitoso. Un dipendente che lavora a tempo pieno non dovrebbe essere povero. 
Ma è quel che accade: nel Regno Unito, per esempio, vive in povertà il 31% delle famiglie in cui c’è un adulto che lavora. I top manager delle grandi corporation americane portano a casa circa 300 volte lo stipendio di un dipendente medio. È molto di più che in altri paesi o in qualunque altro periodo della storia, e questa forbice ampissima non può essere spiegata semplicemente con i differenziali di produttività. In molti casi gli Ad intascano ingenti somme solo perché niente impedisce loro di farlo, anche se questo significa danneggiare gli altri dipendenti e alla lunga compromettere il futuro stesso dell’azienda. Henry Ford aveva capito l’importanza di un buono stipendio, ma i dirigenti di oggi ne hanno perso la cognizione.
Infine c’è una terza idea, sempre facile ma più radicale: investire nel futuro dell’azienda, nei suoi dipendenti, in tecnologia e nel capitale. Senza questo non ci sarà lavoro e la disuguaglianza non potrà che crescere. Attualmente invece una porzione sempre più consistente di utili finisce ai ricchi azionisti. Un esempio su tutti viene dalla Gran Bretagna, dove nel 1970 agli azionisti andava il 10% degli utili d’impresa, oggi il 70%. Storicamente le banche (e il settore finanziario) hanno svolto l’importante funzione di raccogliere risparmio dalle famiglie da investire nel settore delle imprese per costruire fabbriche e creare posti di lavoro. Oggi negli Stati Uniti il flusso netto di denaro compie esattamente il percorso opposto. L’anno scorso, Philip Green, magnate britannico della vendita al dettaglio, è stato accusato da una commissione parlamentare di non aver investito abbastanza nella sua azienda e di aver inseguito il proprio tornaconto personale, arrivando alla bancarotta e a un deficit previdenziale di 200 milioni di sterline. Per quanto incensato e blandito dai governi succedutisi, promosso a cavaliere del regno e considerato faro dell’economia britannica, quella commissione parlamentare non avrebbe potuto scegliere parole più esatte, definendolo come «la faccia inaccettabile del capitalismo».
Le multinazionali sanno che il loro successo non dipende solo dalle leggi dell’economia, ma dalle scelte di politica economica che ciascun paese compie. È per questo che spendono così tanto denaro per fare lobby. Negli Stati Uniti, il settore bancario ha esercitato il suo potere d’influenza per ottenere la deregulation, raggiungendo il proprio obiettivo. Ne sanno qualcosa i contribuenti costretti a pagare un conto salato per quanto accaduto in seguito. 

Negli ultimi 25 anni, in molti paesi, le regole dell’economia liberista sono state riscritte col risultato di rafforzare il potere del mercato e far esplodere la crisi della disuguaglianza. 

Molte corporation sono poi state particolarmente abili – più che in qualsiasi altro campo – nel godere di una rendita di posizione – vale a dire nel riuscire ad assicurarsi una porzione più grande di ricchezza nazionale, esercitando un potere monopolistico o ottenendo favori dai governi. 
Ma quando i profitti hanno questa origine, la ricchezza stessa di una nazione è destinata a diminuire. Il mondo è pieno di aziende guidate da uomini illuminati che hanno capito quanto l’unica prosperità sostenibile sia la prosperità condivisa, e che pertanto non fanno uso della propria influenza per orientare la politica, al fine di mantenere una posizione di rendita finanziaria. 
Hanno capito che nei paesi dove la disuguaglianza cresce a dismisura, le regole dovranno essere riscritte per favorire investimenti a lungo termine, una crescita più veloce e una prosperità condivisa.

VI PIACE VESTIRE ZARA, GAP E H&M? PRODUCONO IN BANGLADESH, PAGANDO I LAVORATORI 56 EURO AL MESE

da http://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/vi-piace-vestire-zara-gap-sappiate-che-questi-marchi-producono-138431.htm

Ci sono i nomi di marchi notissimi come Zara, Gap e H&M tra i clienti delle manifatture di Ashulia, centro del tessile in Bangladesh per il quale lavorano migliaia di persone e di recente al centro delle cronache per uno sciopero che ha portato molti di loro a incrociare le braccia, in protesta contro condizioni salariali che ritengono inaccettabili.
UNA FABBRICA ABUSIVA VICINO A DHAKA
In decine di migliaia hanno imbracciato bandiere e cartelli con gli slogan, dopo un primo licenziamento di 121 lavoratori, da cui è scaturita una protesta di massa per quei solo circa 56 euro che ognuno di loro riceve ogni mese per produrre capi che poi finiscono negli store di marchi molti noti del mercato occidentale.
UNA FABBRICA LEGALE DEL BANGLADESH
Manifestazioni di grande portata, con almeno dieci feriti, quando la polizia ha aperto il fuoco con proiettili di gomma e che hanno portato alla chiusura temporanea di almeno cinquanta impianti, ma anche a conseguenze ben più spiacevoli.
Secondo quanto riporta il Guardian sarebbero almeno 1.500 i lavoratori che sono stati lasciati a casa dai rispettivi datori di lavoro dopo le proteste, per uno stipendio che, secondo gli attivisti, vale un quinto della cifra necessaria per mantenere condizioni vita accettabili, pure in un Paese non di certo ricco come il Bangladesh.
UN BAMBINO E LA SUA MACCHINA DA CUCIRE


E Stilinga pensa che si definisce Globalizzazione quello che è solo puro SFRUTTAMENTO.
E BASTA!